Avap

VIDEO | Presentazione del libro “Obiettivo sensibile” di Sergio Solavaggione

Fotoreporter, la dolcezza dell’avvoltoio

Un tempo – nei giornali con maggiori risorse economiche – al primo allarme scattava una pattuglia affiatata: autista, fotoreporter e cronista, ciascuno cosciente delle esigenze degli altri, ciascuno pronto a capire da un’occhiata, da uno scarto del viso che cosa stava per accadere e che cosa si doveva fare. Nuovi media, nuove tecniche, revisione dei tempi e delle necessità, problemi di bilancio, nuovi accessi alle informazioni, nuove scelte editoriali hanno in parte mutato quel modo di lavorare. Ma non l’hanno polverizzato, perché Solavaggione e i grandi amici e colleghi che gli sono a fianco nel libro hanno fatto scuola. Una scuola dove con la tecnica e la tenacia si sono trasmesse a una nuova generazione una fortuna e un regola imprescindibile. La fortuna è amare il proprio lavoro (“migliore approssimazione concreta della felicità”, diceva Primo Levi, citato in epigrafe). Imprescindibile è la consapevolezza di trattare – nella rincorsa del tempo che preme, tra proiettili, insulti, sorrisi – la merce più delicata che si possa avere il privilegio di maneggiare: i sentimenti, le sofferenze, la dignità, la vita degli altri.

Tratto da Fotoreporter, la dolcezza dell’avvoltoio

Di Marco Neirotti

www.marconeirotti.it

Chiudi
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better

Versione mobile