WEB TV & Comunicazione

Web Tv & Comunicazione

Drink Shop

Scoperti gli autori dei lancio dal cavalcavia: “Abbiamo lanciato i sassi perché ci annoiavamo”.

618E06D8-6764-423E-9616-A06945D3EF45Le indagini, coordinate dalla procuratrice Emma Avezzù, del Tribunale dei minori di Torino, ha portato ad identificare 5 minorenni, di 16, 15 e due di 14 anni che vivono nei paesi limitrofi al cavalcavia da dove è avvenuto il lancio del sasso. I ragazzi, che si spostavano in bici, hanno giustificato il loro gesto affermando che l’ avevano fatto per noia.

Solo per caso le loro azioni non si sono trasformate in tragedia, il 16 novembre una Toyota Yaris era stata colpita da un grande masso di circa 8 Kg e un diametro di circa 25 cm, che si era conficcato all’interno della lamiera del veicolo, rimanendo incastrato tra il fanale anteriore destro e il cofano motore.

La pattuglia della Polizia Stradale intervenuta sul posto rinveniva, sempre sulla stessa carreggiata, oltre al masso incastrato, una seconda pietra di circa 4 Kg e 18 cm di diametro e altri sassi di piccole e medie dimensioni, era chiaro che si trattava  di un lancio sassi.

Nei giorni successivi la Polizia Stradale, a seguito di attività info-investigativa svolta in collaborazione con la Stazione Carabinieridi None e con il personale della Sezione di P.G. della Procura per i Minorenni di Torino ha individuato  ad individuare gli autori, tutti residenti nella zona. Durante la fase delle indagini si è scoperto che il lancio sassi si era ripetuto nelle due giornate successive sempre nel medesimo tratto autostradale, tra le uscite di Gerbole di Volvera e None della diramazione Torino-Pinerolo della A55 tangenziale sud di Torino.

Radar degli eventi

Non ci sono eventi imminenti

Chiudi
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better

Versione mobile