Le Serve: all’Antico Teatro Sacco di Savona sabato 17 marzo, con Emanuela Rolla, Gabriella Fossati e Susanna Gozzetti

di Laura Sergi – Sabato 17 marzo (alle ore 21), all’Antico Teatro Sacco di Savona ci sarà: ‘Le Serve’ di Jean Genet, con la regista Emanuela Rolla, uno degli appuntamenti del Calendario primaverile del direttore artistico Antonio Carlucci.

Rolla è anche attrice e autrice, e nella Stagione 2016 si fece apprezzare in ‘Regine allo specchio’, un suo testo che scandagliava l’animo di Elisabetta I e Maria Stuarda, e tutte le vicende storiche che le hanno viste protagoniste.

L’opera teatrale del prossimo sabato è ispirata a un reale e crudo fatto di cronaca avvenuto a Le Mans, in Francia, nel 1933: per un rimprovero, due sorelle che erano a servizio presso una famiglia, massacrarono la padrona di casa e la figlia. Per lo scalpore che ebbe il caso, e per gli studi sulla paranoia che analizzarono l’orrenda vicenda, il titolo è diventato un classico del noir.

Rolla sarà anche sul palco a interpretare una delle due sorelle, Claire, mentre Susanna Gozzetti sarà Solange.

Per il ruolo dell’invidiata, la Madame, la scelta si è indirizzata su Gabriella Fossati. “Una grande attrice dell’avanspettacolo italiano degli anni ’20 – ci dice Rolla – che ha lavorato con Wanda Osiris, Zeffirelli, Tognazzi… Claire e Solange qui giungono a invidiarla, nonostante la sua bellezza ormai sia sfiorita, a dimostrazione che il sentimento dell’invidia e della gelosia non è determinato dall’ambiente che ci circonda, ma nasce nel nostro intimo”.

Tra le righe del copione, si passa con facilità a capire d’essere di fronte a una rappresentazione degli oppressi di tutto il mondo: con la voglia di imporsi e la necessità di sottomettersi, l’ambivalenza di sognare di uccidere e decidere di suicidarsi… per quella violenza profonda che ci portiamo dietro e che dirige la nostra esistenza. Il testo infatti parla di insoddisfazione, di sfruttamenti e di umiliazione, contro i privilegi immeritati, e di tanti risvolti psicologici!

Come dice ancora Rolla: “Una commedia tragica sui giochi di ruolo, perché non esiste una Madame senza Serve e non esistono Serve senza Madame”. Ed aggiunge: “Oggi quel che conta è apparire. Così è già in questo testo del 1946, dove le due sorelle progettano un omicidio perché in premio avranno visibilità!”.

A seguire, nel calendario, ‘Quattro Madri (Ritratti di donna)’ da Arnold Wesker e Franca Rame, con Cristina Robasto, sabato 24 marzo, sempre alle 21.

Ingresso riservato ai soci, ma diventare socio è semplice: info al sito www.teatrosacco.com (nella foto, Rolla).