Avap

CFIQ

Trattoria Valpellice

Ridurre le tasse per le attività in montagna. Ecco la richiesta del sindaco di Pomaretto

pomarettoÈ la prima e più importante necessità. Defiscalizzare le imprese del territorio montano. Esercizi commerciali, partite Iva, start up, ristoranti, alberghi, B&B, imprese agricole e artigianali. Solo così è possibile favorire la presenza di attività economiche nelle Terre Alte. Vale per il Piemonte e per tutto il Paese. Solo così si arginano spopolamento e abbandono, da sempre le grandi sfide “contro la forza di gravità” che continua a portare a valle giovani e famiglie, aziende e opportunità di crescita socio-economica.

Ne ha parlato lunedì il Sindaco di Pomaretto, Danilo Breusa, membro del Consiglio Uncem Piemonte, all’interno del convegno promosso dalla Camera di Commercio sull’evoluzione e sulle prospettive del commercio in Provincia di Torino, tenutosi a Torino Incontra.

“Il gap strutturale – ha spiegato Breusa – va superato con un’opportuna legislazione, a livello nazionale e regionale, con precisi sgravi. Defiscalizzare è più importante dell’arrivo di contributi: le imprese hanno bisogno di interventi stabili e duraturi nel tempo. Un progetto complesso che Uncem sostiene da anni”. La conferma della necessità di ridurre le tasse alle imprese presenti nei Comuni di montagna è stata ribadita dal questionario che Uncem ha diffuso a giugno 2016. Il 99% degli intervistati considera il rischio desertificazione commerciale, cioè la scomparsa di negozi e attività, un “problema rilevante per il Piemonte e per il Paese”. Sono 90 i Comuni in Piemonte rimasti senza un negozio e altri 300 combattono, ogni giorno, per evitare che si abbassino saracinesche e chiudano gli ultimi presidi sociali nei piccoli centri. La chiusura di negozi comporta l’abbandono dei servizi di base – scuola, trasporti, sanità, assistenza. Il 77% di chi ha risposto al questionario è a conoscenza che i Comuni e le loro associazioni stanno chiedendo a Regione e Governo di individuare incentivi fiscali e alleggerimenti burocratici per le attività economiche e le partite iva delle aree montane. Oggi, un’attività imprenditoriale in un Comune montano è soggetto a tasse e imposte di un’attività nel centro di Torino. “Le zone a fiscalità di vantaggio – sottolinea Breusa – permetterebbero di recuperare un deficit competitivo di cui soffrono storicamente le imprese collocate nel territorio montano.

“Bene ha fatto il Governo, con l’ex Ministro Enrico Costa, a destinare quattro annualità del Fondo nazionale montagna al contrasto alla desertificazione commerciale. I risultati, i Comuni che otterranno il finanziamento verranno comunicati nei prossimi giorni – sottolinea il Vicepresidente Uncem, Marco Bussone – È comunque necessaria un’azione culturale, oltre che politica. Regione, Parlamento e Governo devono ascoltare il grido di chi nelle aree montane tiene aperto un’impresa o un negozio, presidio sociale oltre che economico”.

Anni fa Uncem ha anche lanciato la campagna “Compra in valle, la montagna vivrà”: vale per un nuovo stile, un nuovo approccio di residenti e turisti al territorio. “Fondamentale – aggiunge Bussone – è l’impegno degli Enti locali, anche nel favorire strumenti di promozione e marketing, grazie al lavoro delle Unioni montane, per ottenere zone a fiscalità di vantaggio, ed evitare che la burocrazia distrugga storiche e nuove imprese che tengono in vita le aree montane”.

Radar degli eventi

Non ci sono eventi imminenti

Chiudi
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better

Versione mobile