Avap

Vetrine del Pinerolese

San Lorenzo

Pinerolo, sul caso Pmt Barbero invita l’Amministrazione a favorire la vendita delle aree non utilizzate dalla produzione

Luca Barbero, Pd

Luca Barbero, Pd

09-05-2017- 16:20 –  Il patrimonio immobiliare della Pmt dovrà essere valorizzato e utilizzato a favore dei lavoratori

In attesa che si perfezioni l’acquisto da parte di Papcel della Pmt, l’incontro  per il pagamento è fissato giovedì, ritorna d’attualità la possibilità di poter edificare nell’area della Pmt non utilizzata a fini produttivi. A rilanciare la proposta è il consigliere Luca Barbero (Pd) che in un comunicato stampa ripercorre le tappe passate ed invita l’Amministrazione  affinché,  le risorse economiche che arriveranno dalla vendita del patrimonio immobiliare   abbiano, come richiesto dalla legge 106 una pubblica utilità e in questo caso, la stessa non può che essere la tutela del lavoro, dei lavoratori e quindi degli interessi della Città nel suo insieme.

Riceviamo e pubblichiamo integralmente il comunicato stampa.

In questi giorni si è conclusa la trattativa tra le Organizzazioni sindacali in rappresentanza dei lavoratori e la PAPCEL, azienda subentrata al fallimento della PMT.

Ai lavoratori e alle rappresentanze sindacali va il nostro ringraziamento per essere riusciti a far prevalere, in una fase molto delicata, il senso di responsabilità.

L’accordo non consentirà a tutti i dipendenti di continuare ad avere un posto di lavoro.

Come Partito Democratico e come centro-sinistra abbiamo sempre seguito con attenzione (e preoccupazione) le diverse crisi che, dalla fine degli anni ’90, hanno interessato la BELOIT prima e la PMT dopo.

Come già fatto in passato anche oggi è possibile fare alcune azioni politico-amministrative a tutela dei lavoratori, dei loro diritti e della loro dignità.

Nel giugno dell’ormai lontano 2013 il Consiglio Comunale aveva approvato (con il solo voto favorevole dei consiglieri di PD, Rif. Comunista, SEL, Moderati e UDC) la Delibera per il rilascio del Permesso di costruire in deroga per il cambio di destinazione d’uso di alcune aree di proprietà della PMT non più utili e funzionali all’allora attività industriale dell’azienda.

La decisione di approvare l’istanza era stata fatta alla fine di un percorso (iniziato nel 2011 con ancora Paolo Covato sindaco) che aveva visto l’azienda, le Organizzazioni sindacali e i lavoratori e l’Amministrazione della Città di Pinerolo condividere un unico obiettivo comune: dare prospettive industriali alla PMT e garantire così lavoro per i dipendenti.

Il fine del Permesso di costruire in deroga era infatti consentire all’azienda di aumentare il proprio valore patrimoniale per poter accedere a nuove risorse economiche da investire a sostegno di in un nuovo piano industriale.

Il fallimento della PMT e la perdita del posto di lavoro per parecchie decine di lavoratori non hanno atteso a quegli obiettivi (e a quelle speranze).

Il permesso di Costruire in deroga non è ancora stato rilasciato e l’Amministrazione in carica ha giustamente concesso una proroga dei termini fino al 31 marzo del 2018.

Al Sindaco e a tutta l’Amministrazione chiediamo però di dare continuità all’obiettivo che era stato messo alla base dell’approvazione del Permesso di costruire in deroga: dare prospettive di lavoro, tutelare i lavoratori e aumentare il livello dei servizi pubblici a favore di tutta la Città.

Per questo è fondamentale che oggi l’Amministrazione si impegni affinché le risorse economiche che arriveranno dalla vendita del patrimonio immobiliare (valorizzato dal Permesso di costruire in deroga) abbiano anche, come richiesto dalla legge 106, una pubblica utilità e, in questo caso, la stessa non può che essere la tutela del lavoro, dei lavoratori e quindi degli interessi della Città nel suo insieme.

Dall’approvazione della Delibera di Consiglio comunale del giugno 2013 ad oggi sono passati quattro anni e sono cambiate tante cose.

In questo quadro chiediamo con forza al Sindaco che (con il coinvolgimento di tutto il Consiglio comunale) si attivi per ridefinire obiettivi e interessi comuni tenendo allo stesso tavolo l’Amministrazione, le Istituzioni, la PAPCEL, le Organizzazioni sindacali (e i lavoratori) e il Curatore fallimentare.

E’ un impegno politico semplice ma importante. In continuità con quanto sempre fatto in passato, come Partito Democratico lavoreremo per questa prospettiva.

Luca Barbero, capogruppo PD in Consiglio comunale

 

Chiudi
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better

Versione mobile