WEB TV & Comunicazione

Web Tv & Comunicazione

Chiale

Giovanni Ruffino il musicista alpinista vittima di una caduta in montagna

Una bella immagine di Giovanni Ruffino fotografato da Claudio Petronella

Una bella immagine di Giovanni Ruffino fotografato da Claudio Petronella

La musica e la montagna. Gli amici e le vette. Questo era il mondo di Giovanni Ruffino e lui da questo mondo si è congedato scivolando in un canalone. E’ morto dopo aver raggiunto la vetta  del monte Francais Pelouxe in alta val Chisone. Era un alpinista esperto. Un uomo che conosceva la montagna, l’amava e la rispettava. Ma la voleva vivere da vicino e così per anni aveva gestito il rifugio Selleries. Senza dubbio era un personaggio che lasciava una traccia in chi l’aveva conosciuto. Uno che la vita l’ha sempre vissuta in modo intenso, ha fatto conoscere la musica di Brassens andando a suonarla in tutta Italia. Amava spostarsi con il suo mini camper. Artista e ambientalista, sapeva pescare a mosca, Giovanni sapeva coinvolgere. Di lui ora ci sono ricordi, i messaggi di cordoglio che gli amici hanno scritto sui social e anche quelle ultime foto che lui ha scattato in vetta ed inviato agli amici. Gli ultimi appunti felici di Giovanni Ruffino.

A guidare sin dalla notte le squadre del Soccorso alpino della val Chisone è stato Francesco Martinelli, responsabile della zona . Il ritrovamento questa mattina, sabato 23 maggio, dopo che le squadre avevano individuato delle tracce con un sorvolo da parte dell’elicottero dei Vigili del Fuoco. Ma per restituire  la salma ai parenti è dovuto intervenire un secondo elicottero del 118 decollato da Levaldigi attrezzato per questo tipo di interventi, il corpo infatti si trovava in una zona estremamente impervia e pericolosa.

 

Radar degli eventi

Non ci sono eventi imminenti

Chiudi
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better

Versione mobile