Avap

Linea G

Chiale - le offerte

A Torre Pellice in arrivo 396 mila euro per progetti sull’infanzia

bimbiSi chiama ‘Io sto bene qui…in Montagna’ il progetto per l’infanzia che verrà realizzato a Torre Pellice

Il Comune di Torre Pellice ha partecipato, come soggetto capofila

insieme ad altri partner, al bando nazionale Prima Infanzia 0 – 6 pubblicato dall’Impresa Sociale

‘Con i Bambini’ ed ha ottenuto un contributo è di 396 mila euro per 3 anni.

Il progetto ‘Io sto bene qui…in montagna’, oggetto della candidatura del Comune, è stato

presentato con l’obiettivo di fronteggiare il problema della insufficienza dei servizi per l’infanzia

nelle zone montane.

Il progetto si propone, infatti, di costruire un sistema integrato di servizi rivolti ai bambini e alle

bambine da 0 a 6 anni e alle loro famiglie che abitano in Val Pellice. L’idea è quella di definire e

realizzare un’offerta ampia e di qualità anche tramite un percorso di ricerca/azione e di

partecipazione con le famiglie e i soggetti che hanno competenze in merito, ponendo particolare

attenzione alle famiglie svantaggiate che vivono in situazioni di disagio economico e sociale.

Il Comune di Torre Pellice ha coinvolto nel progetto 12 partner: l’ASL TO3, il CISS (Consorzio

Intercomunale dei Servizi Sociali), il circolo Legambiente Val Pellice, la Città Metropolitana di

Torino, la Diaconia Valdese, l’Istituto compresivo ‘E. De Amicis’ di Luserna San Giovanni, l’Istituto

comprensivo ‘Gianni Rodari’ di Torre Pellice, lo studio APS (Studio di Analisi Psicosociologica),

l’UNCEM Piemonte (Unione dei Comuni e Enti Montani), l’Unione Montana Pinerolese e

l’Associazone ORA.

Gli obiettivi principali sono quelli di attivare modalità di lavoro permanente tra operatori sociali ed

educativi, di creare cooperazione tra gli stessi per sviluppare soluzioni organizzative innovative

(ampliamenti di orario, attività decentrate, fruibilità estiva) in modo da coprire tutte le esigenze

delle famiglie, ristrutturare ecologicamente l’Asilo Nido comunale con un’operazione di

trasformazione nZEB (nearly Zero Energy Building) dell’edificio e sviluppare percorsi rivolti alla

diffusione e utilizzo dei pannolini lavabili.

Otto sono le macro azioni che verranno realizzate sul territorio in tre anni. ‘La prima di queste –

come afferma Giovanni Borgarello, assessore Istruzione, Asilo Nido e politiche della famiglia – già in

corso di svolgimento, si propone di attuare un’operazione di ascolto delle famiglie con bimbi 0/6

anni per raccogliere pensieri, critiche e bisogni. Base per sviluppare ulteriori azioni e progetti rivolti

ai bambini, il nostro futuro’.

Verranno coinvolte circa 1200 famiglie con bambini dagli 0 ai 6 anni e ca. 100 famiglie nelle azioni

che richiedono una partecipazione più significativa e costante (gruppi di lavoro specifici, momenti

formativi); questo permetterà di sviluppare un percorso di crescita di coesione sociale, fiducia

reciproca, capacità di lavoro insieme, con un rafforzamento delle competenze sia degli educatori

ed insegnanti, sia dei decisori politici.

 

I primi momenti che rientrano nel progetto sono l’ormai nota Festa dell’Infanzia, giunta quest’anno

alla IX edizione e prevista per venerdì 18 maggio e sabato 19 maggio p.v., nell’ambito della quale,

tra le molte attività dedicate all’infanzia, verrà presentata l’apertura di un centro educativo estivo

per la fascia 0-3 anni da parte della Diaconia Valdese.

Samuele Pigoni, responsabile di Diaconia Valdese – Giovani e Territorio, dichiara ‘Siamo molto

contenti di partecipare a questo progetto: riconosce infatti la centralità dei bambini e delle bambini

e l’esigenza di creare legami, intorno e con le famiglie, sulle questioni educative. Inoltre, si propone

un miglioramento della qualità della vita sul territorio. In particolare cercheremo di rispondere

all’esigenza di conciliare lavoro e famiglia nel periodo estivo, mantenendo il Nido Intercomunale

aperto quando altrimenti sarebbe chiuso’.

La nascita di una concreta comunità educante su un territorio montano è quindi la risposta ad una

società che ancora necessita di servizi per arginare la povertà educativa minorile.

Infine, come sottolinea l’Assesore Giovanni Borgarello ‘Ci dobbiamo sempre ricordare che un

territorio che non investe sulle nuove generazioni non ha futuro, mentre invece un paese a misura

di bambino è un paese per tutti!’.

Chiudi
Please support the site
By clicking any of these buttons you help our site to get better

Versione mobile